Cocktail Bar Locale. Firenze

Entri e sei nella storia.

Entri e sei in una Location unica.

Entri e rimani a bocca aperta.

Ti guardi intorno e rimani a bocca aperta.

Guardi il banco del Cocktail Bar e rimani a bocca aperta.

Dopo 10 minuti di sorprese a bocca aperta la gola è secca.

Cocktail Cocktail Cocktail.

Menù da vedere oltre che leggere.

Menù in mano e ovviamente rimarrete a bocca aperta.

Cocktail da vedere oltre che da bere.

Ora mentre state assaporando il vostro cocktail immergetevi nella storia di questo Locale.

Un Palazzo dalla storia antichissima e unica, legata a doppio filo con la grandezza politica della Firenze dei Medici, portata alla luce da un recente restauro.
Unica come la sua struttura, i cui livelli, giunti intatti fino a noi, fanno rivivere la Firenze del Duecento e del Cinquecento come una macchina del tempo. Situato nell’antico quartiere nobile della città , la prima famiglia a possederlo fu quella dei Bastari Rittafè, nel Duecento.

Dopo un poderoso ampliamento, nel Cinquecento il Palazzo divenne la residenza del Giureconsulto e Plenipotenziario di Cosimo I de’ Medici (1519-1574), ciò che oggi definiremmo un Primo Ministro. Parliamo di Bartolomeo Concini (1507-1578), il diplomatico più influente dell’epoca. Il suo operato fu decisivo al conferimento per nomina pontificia del titolo di Granduca a Cosimo I (1569). E la fondazione dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano (1561), la sua prima abile mossa verso il Granducato.

Tanto prestigio fece di Bartolomeo Concini il capostipite di una dinastia ai vertici dalla vita politica di Firenze fra Cinque e Seicento. Famiglia che arrivò a imparentarsi persino con gli stessi Medici. Suo figlio, Giovan Battista Concini (1532-1605), Cavaliere poi Commendatore e infine Gran Cancelliere dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano fu anche lui una figura di prim’ordine nella politica estera dei Medici.

Il piano terra racconta la vita cinquecentesca del Palazzo. L’ingresso attuale era un ampio cortile dove entravano le carrozze e i carri fino a costeggiare il sontuoso loggiato coperto antistante l’entrata principale. Adiacenti ai locali di rappresentanza, alcune sale erano destinate allo stoccaggio dei prodotti provenienti dalle fattorie di proprietà  dei Concini sulle colline nei dintorni di Firenze, dove si producevano vino e olio com’era in uso tre le nobili famiglie fiorentine.

Nell’ultima sala del piano terra spicca una preziosa Stufa in terracotta policroma del Settecento, realizzata all’epoca di Francesco Giuseppe de’ Medici possessore del Palazzo dal 1732.
L’Amorino affrescato sul soffitto ha nelle mani un carciofo e una coppa di vio, il cui significato è “nel vino la speranza” a protezione delle attività  agricole legate alla produzione del vino e dell’olio che dai Concini in poi ha favorito e arricchito la vita di Palazzo.

Il piano interrato è la preesistente abitazione del Duecento sulla quale, la parte cinquecentesca è stata edificata. Fu trasformata nel Cinquecento in ambienti per la servitù, con ben due cucine per garantire i servizi adeguati agli abitanti del Palazzo e ai loro prestigiosissimi ospiti. Nello spazio che un tempo ospitava la Sala da pranzo, nel ‘200 si apriva la porta d’ingresso, prima che tutte le strade esterne subissero l’innalzamento all’attuale livello stradale.

Una grande sala ospitava la prima cucina con funzione di Lavanderia.
Oggi sono ancora visibili il pozzo, il focolare, il piano in pietra per lavare, gli stipi dove si riponevano i saponi e la biancheria. Nella seconda Cucina, sull’architrave della bocca del forno (del XIII secolo) la croce ottagona scalpellata, è il simbolo dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano. Veniva impressa sul pane prima di essere infornato.

A margine dell’interrato si trova l’antica cantina che serviva per conservare il vino prodotto dai proprietari, venduto poi in fiaschi attraverso la “Buchetta di Vino” che un tempo si affacciava su via delle Seggiole.
Alcune arcate in pietra di questa area potrebbero risalire addirittura alla Firenze di fondazione romana (30-15 a.C.). Ricerche recenti hanno messo in evidenza, infatti, che l’edificio dorge in una zona prossima alle antiche mura romane.

P.s. Locale è anche Ristorante Raffinato.

 

Categoria: Cocktail Bar 

IndirizzoVia delle Seggiole, 12/red, 50122 Firenze 

Telefono055 906 7188

Fascia di Prezzo: Cocktail 20 – 30  € 

martedì 19:30–02
mercoledì 19:30–02
giovedì 19:30–02
venerdì 19:30–02
sabato 19:30–02
domenica 19:30–02
lunedì 19:30–02

SEGUIMI SU FACEBOOK

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...