Ristorante Tambellini. Lucca

Storico. Non ero mai stato a cena al Bar Ristorante Trattoria Tambellini, sarà che a cena è aperto solo il Venerdì e Sabato sarà che esternamente è più bar che ristorante sarà che…se lo sapevo prima.
Prenotiamo ore 21.00.
L’estate è nel pieno del calore. Prenotazione esterna.
Dopo un parcheggio contromano in curva da lasciarci la vita lasciamo l’aria condizionata e respiriamo i 30 gradi alle 21.00 di sera.
Entriamo puntuali.
“Prenotazione per due nome Franchini”.
Il proprietario ci lascia nelle buone mani della ragazza di sala. (Carina).
Veniamo accompagnati verso l’esterno, attraversiamo la carta dei vini… un mobile pieno di bottiglie con cordino e prezzo attaccato al collo come collana. L’istinto era di fermarsi. Non era educato.
Entriamo nella sala interna.
Esclamazione.
Bella nell’insieme nei particolari nei bicchieri nei colori nei profumi nelle sedie nei tavoli nei quadri ha il gusto dell’ arte. Una sala elegante di vip americani anni 90. Rimango affascinato. Persone anni 50 a far girar calici metà rossi metà bianchi.
Si apre la porta a vetro con luce blu del cielo e siamo fuori.
Ariesclamazione.
Una piccola corte, conche, un porticato a girare che si apre, tavoli in legno, tende bianche, candele panche cuscini eleganza, verde di piante, toscana rilassante musica atmosfera. Romantico silenzioso. Ruote di carro. Tavolo con panca a muro cuscini enormi appoggiati, sottopiatto quadrato elegante nero fiori calici a riflettere stelle e luna. Colore nocciola.
Seduti. Ma mi potrei sdraiare fra i cuscini.
Una granita liquida di frutta e spumante come entrèe. Freschezza in cannuccia.
Intorno a noi coppie. Lucchesi. Candele a illuminare parole a bassa voce a far muovere la fiamma.
Menù in tavola.
Tradizione Trattoria Lucca.
Un menù verde di insalate che vanno a toccare tartufi uova frutta salmoni formaggi. Tordelli lucchesi tradizionali e bianchi con “l’olio di Renzo”. E poi?
Poi spaghetti spaghetti spaghetti. Spaghetti artistici di abbinamenti.
Carne salmone tartare con i contorni dell’orto. Semplici classici da trattoria vera trattoria classica che sfuma nell’eleganza e classe anche in una semplice insalata.
Il proprietario il padrone della sala quello che conosce i clienti abituali, quello che conosce i loro vini preferiti, danza intorno ai tavoli, giovane nei modi nell’età nell’abbigliamento è uno che sa, conduce la sala con tranquillità e ci invita a consultare non la carta dei vini ma il mobile dei vini. Amo scegliere il vino prendendo la bottiglia in mano, leggerne l’etichetta la gradazione la provenienza. Il prezzo. Vini del territorio vini toscani e piccole perle a toccare le terre dei vini a nord a sud. Vini con anima.
Dal menù ordiniamo insalata di mirtilli con tomino grigliato carpaccio di manzo uova e tartufo tordelli bianchi con l’olio di Renzo saltimbocca con zucchine lavorate dallo chef. Zuppa inglese.
Vino in tavola porta ghiaccio tappo ad annusare degustazione. Approvazione. Freschezza lucchese.
Intorno.
La corte. Un quadrato rettangolo, una parete bianca da luna mattoncini toscani, bianca di finestre, rettangoli neri di curiosità, rosso di terra, triangolo contro il blu che sta per diventare nero. Verde a puntare il cielo. Legno. Vasi fiori verde. Candele a luce alta. Intorno parole basse.
Tacchi, non c’è una donna senza tacchi questa sera. Bionde more.
Argomenti spaziano dalla crisi greca alla voglia di mojito e spiagge. Dalla cioccolata al vino.
In tavola.
Arrivano i piatti ordinati. Sapori semplici veri tradizionali delicati non forzati.
Una cucina bianca.
Una cucina bianca fatta di olio buono formaggio verdure insalate dell’orto dietro casa. Territorio in tavola. Si sta bene un cibo rilassante non impegnativo. Il vino bianco ad annebbiare i calici è il giusto abbinamento.
Il caldo ora non si sente più.
Il cielo è diventato nero già da un po’ i colori sono cambiati. L’atmosfera no.
La musica continua ad accompagnarci nelle parole.
Le altre coppie sono andate a fare sesso.
Siamo rimasti soli.

—–

Sono tornato al Ristorante Tambellini e dopo la bella esperienza nella suggestiva corte estiva, ho provato le due eleganti sale interne.
Una degustazione che offre la qualità delle materie prime, dalla pasta, all’olio e dove il “muro” della carta dei vini è molto stuzzicante per trovare la bottiglia che fa per noi.
Piatti da 8 a 16 €. Piatti classici lucchesi, tordelli in varie versioni, poi formaggi, tartufo, insalate gourmet e una rosticciana con rapini e olive amare fra le migliori mai mangiate.
I vini presentati hanno una qualità prezzo molto interessante. Ottimo il mio Riesling a 16 €.
Le due sale principali sono suggestive e hanno un anima storica che si respira. Il servizio ne è la conseguenza, professionalità e conoscenza dei piatti e dei vini presentati.
Lascio le parole per le immagini.

 

Categoria: Ristorante

IndirizzoVia Per S. Alessio, 1403, 55100 Lucca

Telefono0583 342077

Fascia di Prezzo: 35 – 45 € 

venerdì 08–23
sabato 08–23
domenica Chiuso
lunedì 08–19:30
martedì 08–19:30
mercoledì 08–19:30
giovedì 08–19:30

SEGUIMI SU FACEBOOK

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...