Ristorante Lorenzo. Forte dei Marmi (Lucca)

Forte dei Marmi il Venerdì sera di Novembre.

Passeggiata con più cani al guinzaglio che persone.

Vetrine chiuse vivono di luce propria.

Vuota e nera. Vuota e triste.

Alcune vetrine sembrano i bagni dei Casamonica.

Ma una luce c’è sempre.

E io a Forte dei marmi non cerco mai una vetrina.

Cerco il suo Ristorante.

Tre passi nel nero poi arrivi, il cartello rosa in alto.

L’entrata in vetro.

Lorenzo lo riconosci subito da fuori.

Porsche. Aston Martin.

Fuori non ho mai trovato una macchina italiana che non sia una Ferrari.

Dentro ho sempre trovato la classe e l’eleganza unica di Lorenzo.

Lorenzo ci attende al banco del benvenuto, parla più a bassa voce, le venti parole sono diventate dieci.

Ripeto ancora, L’Eleganza in una persona.

Ci accompagna il personale di sala.

Tavolino per due fronte cucina.

Grazie.

Ore 22:00.

Sguardo al Sommelier. E il Sommelier arriva con uno Champagne e la carta dei vini.

La cantina offre le migliori etichette italiane e francesi, ma viaggia anche in zone californiane, tedesche e australiane.

La clientela è assurda per la sua bellezza di non uniformità. Bellezza pazzia. Vecchi giovani. Vecchi con le giovani.

Isteriche vecchiette. Ragazze di cui la bellezza è imbarazzante anche per i camerieri.

Agnelli rinati orologio al polsino. Camicia ovviamente celeste.

Gialli in viso dalle troppe creme.

Zigomi mongolfiera.

Pazzi che invece di mangiare subito il piacere attendono 10 secondi per una foto…

Cin cin. Bottiglia in ghiaccio.

Inizia il percorso.

Un percorso che parte la mattina.

I pescatori migliori hanno il tatuaggio “Lorenzo” sul braccio.

Due volte al giorno questo braccio incrocia quello di Lorenzo. E si sente.

In tavola questa volta i classici.

Tre assaggi del pescato, Bavette sul Pesce, Gambero Rosso su fonduta di verdure, Zuppetta di Pesce, Natura di Calamaretti al forno, il Bollito di Crostacei e pescato del giorno con la maionese fatta sul momento.

Una cucina bianca.

Bianco. Elegante. Puro. Semplicemente pesce.

Pulito. Sei donne bianche latte sdraiate nude sopra un lenzuolo bianco.

Niente punti neri. Solo gocce d’olio.

Sicuramente se siete uomini le state immaginando. Questo è il pesce di Lorenzo. Questi i piatti di Chef Pontrelli.

La clientela intorno è moda, è anniversario, ma anche affezionata.

Tutto questo è già stato da me scritto. Ma niente è cambiato.

Tutto procede con tempi perfetti.

La sala di ombre bianche e nere si muove con ordine perso.

Perso. La sala qualcosa ha perso.

Manca il Maestro.

Lorenzo è rimasto dietro il palco.

Lorenzo in sala non c’è.

Lorenzo non è in sala e un po’ tutto cambia.

La maionese è in un angolo. Nascosta.

Le Bottiglie ferme dentro il ghiaccio.

Alcuni commensali guardano solo i piatti godendo in silenzio.

Non hanno con chi complimentarsi.

Altri diventano meno rispettosi.

La sala rimane bianca e vuota.

Non c’è Lorenzo senza Lorenzo.

Non “resta” che goderci i piatti perfetti di Chef Pontrelli fino alla prima ora del nuovo giorno.

E li abbiamo goduti. Abbiamo goduto la loro perfezione.

Anche questa volta.

Forse questa volta un po’ più soli.

Non c’è Lorenzo senza Lorenzo.

Degustazione come da foto 130 € a persona.

Di Riccardo Franchini

Ristorante Lorenzo Indirizzo: Via G. Carducci, 61, Forte dei Marmi LU Tel:0584 89671

Clicca la Foto per vedere tutti i Piatti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...