Territorio da Bere – Fattoria Sardi

Vigna Ilaria. In un contesto panoramico di verde. Locanda di Charme.

La serata è a tema. “Territorio da bere”. Progetto di  patron Andrea Maggi. Partner Loveat – Italy.

Degustazioni vino cibo della nostra terra a “prezzo di fortuna” vista la qualità offerta. (30 €)

Questa sera degustazione vini della Fattoria Sardi Giustignani. Calici abbinati alle creazioni dello chef Maurizio Marsili.

Ore 20.30 Arriviamo.

Esternamente in una giornata di pioggia e arcobaleno la locanda esprime la fotografia della toscanità. Piante fiori pergolati verde infinito verde attorno.

Mattoni rossi bianchi grigi sfumature marroni e verde arrampicante.

Dalle finestre luci quadri di commensali fra candele e bottiglie di vino specchio di camerieri in movimento.

Entriamo mentre la degustazione del “vinoaperitivo” è già iniziata.

Intorno a noi legno libri tende e vino.

Matteo Giustignani della omonima Fattoria racconta spiega appassiona. Terra biologico biodinamico. Amore per la terra amore per il vino.

Andrea Maggi proprietario e “oste” ci accoglie con un calice di rosato che diventeranno due.

Una cena è sempre una serata di cultura e arte, stasera lo è stato anche l’aperitivo.

Veniamo accompagnati in sala.

Corridoio. Cartoni bianchi pieni di vino pronti ad essere aperti.

Scelta del tavolo.

Come sempre quello d’angolo.

Colore rosso giallo. Lampade atmosfera. Tende.

Ambiente caldo quadri candele e legno luce creano la giusta atmosfera.

Commensali di altre terre che hanno trovato riposo nel verde toscano si mischiano a lucchesi vogliosi di godere dei frutti di terra e mare.

In una tavola elegantemente coperta tre calici di vino sono in attesa di essere bagnati e come le migliori femmine lo faranno di continuo. Si bagneranno dei colori del vino.

Calice di rosato con mela seppia e cipolla.

Bianco vermentino con gnocchi di patate ortica con storzala e totanasse.

Rosso Vallebuia con zuppetta di pesce.

Ci si bagna di qualità.

Una due tre volte e poi quattro cinque e sei.

Amo degustare.

I vini hanno sorpreso la mia ignoranza lo speziato anarchico rosso Vallebuia mi ha fatto godere ad ogni sorso.

Ma non ci si può bagnare da soli.

I piatti in abbinamento?

Chef Maurizio Marsili.

Il ricercatore. Verdure e pescato.

Assaggi la prima portata assaggi la cipolla e capisci la sua concezione della verdura. Ricerca. Studio precisione naturalezza della semplicità del sapore. Purezza.

Il Pesce? Ancora ricerca.

La pesca la cura la ricerca di ogni pesce. Ogni pesce. I suoi principi primari.

Per lui il pesce povero non esiste. Esiste il pesce da scoprire valorizzare finire senza lasciare niente.

La razza al posto del branzino.

Andrea Maggi ci parla di lui con passione e ci invita ad assaggiare il suo bollito di mare.

L’invito non serviva. Presto il bollito sarà nostro.

Lo Chef in un biglietto da visita?

Maurizio Marsili. Chef Ricercatore.

In sala sono le ore 23.00 e continuano ad arrivare commensali, altri, lingue straniere, si accomodano nei letti ai piani superiori per altre degustazioni.

In tavola arriva l’ultima nostra degustazione.

Il dessert dello chef.

Caldo freddo dolce amaro.

Se in foto fa godere immaginate in bocca.

Il palato voleva questo per finire la serata.

Una goduria.

Il territorio lo abbiamo bevuto mangiato e goduto.

Queste pagine hanno uno “slogan” di presentazione, “Solo Locali con Anima”.

Vigna Ilaria Ristorante con Anima dalla cucina alla sala. Maurizio Marsili & Andrea Maggi.

VEDI LE FOTO

di Riccardo Franchini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...